Crea sito

comiso



Santu Ruminico Bbiatu,

 

http://comiso.altervista.org

stu rrusariu Ŕ cumplitatu;
va' prisŔntilu Tu
a Maria ccu Ges¨.



CANTI
RELIGIOSI

  comisani@libero.it



COMISO E COMISANI






COLLEGAMENTI

- RELIGIOSIT└ POPOLARE

- TRADIZIONE

- STORIA LOCALE

- COMISANI

- NOMI E COGNOMI

- VARIA

HOME PAGE

(Attivando le casse acustiche
in sottofondo si pu˛ ascoltare il canto "
Patri nuostru")

 


CANTI RELIGIOSI


In questa pagina vengono presentati i testi:
- di cinque
canti in dialetto (i primi 3 canti sono antichi e sono stati tratti dal libro COMISO VIVA, mentre gli altri due canti, San Milasi e Patri nuostru, sono stati composti recentemente)
- dell'
Inno alla Madonna Addolorata
- dell'
Inno a Maria SS. Annunziata
- dell'
Inno alla Vergine delle Grazie
- di altri quattro
canti in lingua italiana.

Degli ultimi quattro canti in lingua italiana forse di origine locale Ŕ quello dedicato a S. Antonio.
Gli altri tre canti sono di diffusione nazionale;
sono stati inseriti perchÚ fanno parte della tradizione religiosa comisana.

Nella pagine seguenti si riportano il testi dei canti
AFFETTI A MARIA IMMACOLATA
NINNA NANNA RI NATALI

Alla fine della pagina c'Ŕ un elenco di
canti in dialetto composti recentemente e dedicati alla Madonna, sotto vari titoli con cui a Comiso Ŕ o Ŕ stata venerata; di questi canti si pu˛ leggere il testo ed alcoltarne la musica.





CANTI IN DIALETTO

Nenia natalizia

La Sacra Famiglia

(Giuseppi) Era stancu e nun putýa,
si piggiÓu lu vastunieddu
e si misi a camminari.

Camminau co sciccarieddu
e truvau 'na rutticedda,
la scupau e la puliziau,
e dduocu intra si turnau.

E nall'affritta manciatura
parturýu la Gran Signura,
fici a Ges¨ Bamminieddu
mienzu o voi e l'asinieddu.

Maruzza lavava,
Giuseppi stinnýa,
Bamminu ciancýa,
ca 'a nenna vulýa.

"Nun ciÓnciri, figgiu,
ca ora Ti piggiu,
Ti rugnu 'a minnedda
e ti fazzu la v˛.

O vacci, Giuseppi,
pripÓrila Tu:
cu˛nzici 'a naca
o beddu Ges¨"

Canto di Quaresima

 

Maria passava ri 'na strata nova;
la porta ri 'n firraru aperta era.

"E tu, firraru, chi fai apiertu a st'ura?"

"Fazzu 'na cruci e tri pungenti ciova".

"Ti priŔu, firraru, nun la fari ora,
ri nuovu ti la pÓiu la mastrýa".

"Matruzza, e si nun la fazzu ora,
unni c'Ŕ Gies¨ ci mýntinu a mia!"

 

San Milasi

Patri nuostru

O San Milasi,
nuostru patronu,
vardati sempri
nui vuostri figgi.
E quannu arriva
lu gran mumentu
viniti Vui ppi prisintari
l'armuzzi nuostri a lu Signuri.

O San Milasi, ppi nui rapiti
'a santa potta ro Pararisu.
O Patri nuostru ca siti 'n cielu,
pietÓ ri tutti i figgi vuostri.

Nui Vi priamu ri nun n'abbanunari
ni lu bisuognu, na maladdia,
ni lu scunfuortu, ni lu piccatu.

Nui Vi priamu: rÓtini 'a paci,
rÓtini 'a fedi e la sarvizza eterna.




CANTI IN LINGUA ITALIANA





INNO A
MARIA SS. ADDOLORATA

 

Muova l'inno esultante dei figli,
Si sprigioni l'accento d'amore:
Lo ripeta ogni labbro, ogni core
Alla Madre, Regina del ciel.

Salve, o Donna, che al Golgota in cima,
Mentre pende il tuo Cristo dal legno,
Noi ricevi quai figli, ed in pegno
DÓi l'amplesso al discepol fedel.

Il tuo duolo, che al mare somiglia,
Partorisce il riscatto del mondo,
E satanno ricaccia nel fondo
Dell'eterno sepolcro infernal.

Salve, o Madre: la dolce Casmene
La tua spada oggi esalta, il tuo amore;
Tu sorridi, e ci ottien dal Signore
Dell'Empiro la gloria eternal.

Salve, Salve! da tutti si canti:
Salve! suoni per l'aria splendente:
Salve, Salve! risponda ogni gente:
Salve, o Madre, Regina del duol.

E ripeta ogni labbro fremente:
"Salve, o Gloria di questo bel suol".






INNO A
MARIA SS. ANNUNZIATA

 

O Annunziata vergine bella,
di nostra vita Tu sei la stella;
tra le tempeste Tu guidi il core
di chi Ti chiama madre d'amore.

 
 

Siam peccatori ma figli tuoi,
Maria Annunziata, prega per noi.

 
  Dei tribolati soccorri il duolo,
di nostra terra feconda il suolo,
dei poverelli reggi la sorte,
schiudi ai morenti del ciel le porte.
 
 

Siam peccatori ma figli tuoi,
Maria Annunziata, prega per noi.

 
  Tu che del ciel sei la regina
a noi lo sguardo pietoso inchina;
per l'Uomo Dio che stringi al petto
i voti accogli del nostro affetto.
 
 

Siam peccatori ma figli tuoi,
Maria Annunziata, prega per noi.

 
  Da questo altare ove dimori
e coi tuoi sguardi tutti innamori
ai tuoi devoti, o Annunziata,
dona la pace desiderata.
 
 

Siam peccatori ma figli tuoi,
Maria Annunziata, prega per noi.

 






INNO ALLA
VERGINE DELLE GRAZIE

Vergine delle Grazie,
Ti salutiam devoti;
deh! vieni in mezzo a noi
e portaci Ges¨.
  La Grazia Tu di Dio
ottieni a noi benigna,
le nostre preci e voti
presenta al tuo Ges¨.

Sotto il tuo manto, o Vergine,
raccogli noi tuoi figli,
nella divina fede
conferma i nostri cuor.
  Maria, delle Grazie
Dispensatrice sei,
non vedi quante preci
salgono ognor a Te?

Questa cittÓ di Comiso
a Te sempre Sagrata,
Regina delle Grazie,
proteggi e custodisci.
  Con lo sguardo tuo amabile
richiama tutti i figli
dispersi e sfiduciati
e portali a Ges¨.





  Sant'Antonio

Prega per noi, Maria

Sant'Antonio, a tutte l'ore
dalla guerra e dalla fame,
dalla morte e dal dolore
Tu ci salvi con Ges¨.

Tu ci salvi, o Protettore,
dalla morte e dalla guerra;
Sant'Antonio, a tutte l'ore
dacci ognor la Tua virt¨.

Di stelle risplendenti
in ciel sei coronata.
Tu sei l'Immacolata,
o Madre di Ges¨.

Prega per noi, Maria,
prega pei figli Tuoi;
Madre che tutto puoi,
abbi di noi pietÓ.

Noi vogliam Dio

Bianco Padre

Noi vogliam Dio, Vergin Maria,
benigna ascolta il nostro dir:
noi T'invochiamo, o Madre pia,
dei figli Tuoi compi il desir!

Deh! benedici, o Madre,
al grido della fe'.
Noi vogliam Dio ch'Ŕ nostro Padre,
noi vogliam Dio ch'Ŕ nostro Re.
Noi vogliam Dio ch'Ŕ nostro Padre,
noi vogliam Dio ch'Ŕ nostro Re.

Balde e salde s'allinean le schiere
che la gran Madre dal suo sen disserra,
la pi¨ santa famiglia della terra
innalza al cielo i cuori e la bandiera
ed ogni figlio Ú pronto alla sua guerra
votato al sacrificio ed all'amor.

Bianco Padre, che da Roma
ci sei meta, luce e guida,
in ciascun di noi confida,
su noi tutti puoi contar.

Siamo figli della Fede,
siamo araldi della Croce;
al tuo cenno, alla tua voce
un esercito ha l'Altar.

(Questo canto era cantato dai giovani dell'Azione Cattolica durante le processioni del Corpus Domini)






per tornare all'inizio della pagina