Crea sito

comiso



Figgi e ppeni

 

http://comiso.altervista.org

cu ll'avi si teni


DIVERTIMENTI
DI FANCIULLI


comisani@libero.it




COMISO E COMISANI






COLLEGAMENTI

- TRADIZIONE

- RELIGIOSIT└ POPOLARE

- STORIA LOCALE

- COMISANI

- NOMI E COGNOMI

- VARIA

- DIARIO APERTO

-
LETTERE E MESSAGGI


HOME PAGE



DIVERTIMENTI DI FANCIULLI

Negli anni successivi alla 2^ Guerra Mondiale
-quando non c'era ancora la televisione e la radio non era in tutte le case, quando i giocattoli per i pi¨ erano un sogno che si sperava potesse diventare realtÓ solo ppa festa re muotti-
i fanciulli, grazie alla loro grande fantasia, sapevano divertirsi con poco.
Con una palla di pezza o di carta, con un po' di nuciddi o di ossa ri chiris˛mbuli, cu 'na vaccaredda, cu 'n tuppiettu o cu 'nu scannieddu...riuscivano a trascorrere interi pomeriggi, giocando per strada o sui sagrati delle chiese.

In questa pagina, tra l'altro, vengono riportati alcuni dei modi verbali (certamente ereditÓ dei decenni precedenti) che per i fanciulli di quel tempo costituivano un divertimento o, almeno, un motivo per sorridere:
- due
scioglilingua
- ricordi del tempo della scuole elementari
- cinque brevi
filastrocche e alcuni versi di un'altra.

Infine, anche se non si tratta di divertimenti, si riporta cosa avveniva di solito nei bisticci tra ragazzi.






SCIOGLILINGUA

(I ragazzi facevano a gara a chi li recitava pi¨ velocemente
e senza commettere errori)

Supra 'n palazzu

c'Ŕ 'n cani pazzu;

tŔ, pazzu cani,

stu piezzu ri pani.

A gginucciuni

cuggia cuttuni,

sempre cu ttýa

cuttuni cuggýa.





ALLA SCUOLA ELEMENTARE

Quando all'inizio delle lezioni il maestro faceva l'appello, ogni alunno chiamato si alzava in piedi e rispondeva:

- Presente

Spesso qualche "piripicchiu" aggiungeva sottovoce:

- Mulo e conducente!

Quando arrivava alla fine del dettato, il maestro concludeva dicendo:


- Punto e basta.

Quasi sempre qualche alunno, con soddisfazione, aggiungeva:

- Casola cca pasta!





FILASTROCCHE

Ddumani Ŕ ddumýnica,
taggiamu 'u cuoddu a Mýnicu.

Mýnicu nun c'Ŕ,
taggiÓmulu a lu rre.

Lu rre Ŕ malatu
taggiÓmulu a li suddati.

Li suddati sunu a guerra...
PARAPONZIPONZIPO'

Niesci niesci, suli, suli,
ppi lu Santu Sarvaturi,
ppi la luna e ppi li stiddi,
ppi li p˛viri picciriddi.

Etta pugna ri rinari
ppi ricriari a li cristiani;
etta pugna ri nuciddi
ppi ricriari e picciriddi.

Luna, lunedda,

ma fai 'na cuddiredda?

Ma falla ranni ranni

quantu chidda 'i San Ciuvanni.

(Questa filastrocca riporta ai tempi in cui erano in molti a soffrire la fame)

Don Lucianu, don Lucianu,

cchi faciti 'nta stu cianu?

Nun manciati e nun miviti

e cci¨ luoncu vi faciti.

(Veniva detta dai ragazzi quando giocavano sul piazzale di una chiesa)

Unnici e 'n quattu,
cummari co piattu.

Unnici e mmenza,
cummari Vicenza.

Ciovi, ciovi,

la veccia fa li troni,

lu succi si marita

cu li cavisi ri sita
..............................

(Qualcuno conosce il seguito?)





La seguente frase viene ripetuta, in modo ritmato e con una certa cantilena, dai picciriddi comisani per "convincere" una lumaca (barbaniu o vaccaredda o vavaluci) a tirare fuori i tentacoli della testa.

Non sappiamo quale sia l'origine della seguente frase, che i ragazzini comisani ripetevano spesso, pi¨ per il contrasto tra la prima e la seconda parte che per la sua veniale volgaritÓ.

Niesci li corna ca veni lu rre,

niesci li corna ca veni lu rre.......

AmÓbbili, stimÓbbili,

funcia 'i minxxx e misarÓbbili.





BISTICCI TRA RAGAZZI

Un tempo quando due ragazzini bisticciavano, spesso quello che soccombeva o che credeva di avere ragione, mentre faceva col dorso di una mano un segno di croce sul palmo dell'altra, rivolgeva all'antagonista questa formula di minaccia:

Cruci cricidda,
mutti muttidda,
se passi ra mo casa
ti tiru 'na petra,
cari e mmuori,
cari e mmuori.

Quando poi si riappacificavano, anche grazie ai buoni uffici di un compagno che era stato messo in mezzo da uno dei due, costoro, dandosi la mano, dicevano:

Paci e amici.

E non di rado, tutti contenti,
lasciavano da solo il paciere
e se ne andavano in giro per il paese
ciascuno col braccio attorno al collo dell'altro.


per tornare all'inizio della pagina