Crea sito

comiso



Cu avi figgi o latu

 

http://comiso.altervista.org

nun mori appanatu

GIOCHI D'INFANZIA

comisani@libero.it





COMISO E COMISANI





COLLEGAMENTI

- TRADIZIONE

- RELIGIOSITÀ POPOLARE

- STORIA LOCALE

- COMISANI

- NOMI E COGNOMI

- VARIA

- LETTERE E MESSAGGI

- DIARIO APERTO

-
VECCHIE IMMAGINI


HOME PAGE



GIOCHI D'INFANZIA

Il gioco è un elemento importante in tutto l'arco della vita dell'uomo, dalla tenera infanzia alla vecchiaia.
Ed ogni età ha i suoi giochi.

In questa pagina vengono presentati alcuni giochi che gli adulti fanno coi bambini (per farli divertire e per conquistarsi il loro affetto), quando questi non hanno ancora l'età per giocare con altri bambini.

Ognuno di questi giochi viene fatto sempre nello stesso modo ed è composto da parole (forse per favorire l'apprendimento della lingua parlata da parte del bambino) a cui si accompagnano sempre gli stessi gesti o movimenti o azioni.

Alla fine del gioco, in genere, si cerca di far ridere il bambino con un colpo a sorpresa o mediante il solletico.



NASIDDU

In questo gioco l'adulto ed il bambino devono stare seduti l'uno di fronte all'altro.
L'adulto, mentre dice la parola scritta a sinistra, esegue l'azione descritta a destra.


Nasiddu


pumiddu

piriddu

cucuzzedda

e chicchirichiddu


(si pizzica delicatamente la punta del naso del bambino col pollice e l'indice)


(si pizzica la guancia destra)

(si pizzica la guancia sinistra)


(si pizzica il labbro superiore, un po' sotto il naso)


(col pugno chiuso si dà al bambino un colpetto
sotto il mento in modo da far battere i denti di sotto contro i denti di sopra)





Com'è bbeddu...


In questo gioco l'adulto, afferrato saldamente il bambino alla vita, lo solleva in alto e, girandolo alternativamente verso destra e verso sinistra, canta ritmicamente la seguente strofetta e la ripete fino a che il bambino si mette a ridere (o, impaurito per il movimento non gradito, si mette a piangere):

Com'è bbeddu, biancu e finu

pari 'n mònicu scapuccinu...



PALLA PALLETTA

Palla palletta,

signura e cummari,

aviti 'na figgia

ca sapi jucari.

Sapi jucari

a tri cannedda;

cìciri cuotti

e campanedda!



In questo gioco l'adulto ed il bambino devono stare seduti l'uno di fronte all'altro.


L'adulto, mentre dice ogni verso in modo ritmato e cantalenante, contemporaneamente tocca con una mano alternativamente la gamba destra e la gamba sinistra del bambino.


Alla fine gli fa un energico solletico alla pancia per farlo ridere.



PUPILINCE'


"Pupilincè,

to pa' nun c'è"

"E unn'è?"

"Ô mulinu

e ti potta

'u saccu cinu;

cinu ri stuppa

e to pa' t'ammucca!"



In questo gioco l'adulto mette il bambino a cavallo delle proprie gambe, in modo che i due visi siano l'uno di fronte all'altro; poi lo cinge con le proprie braccia in modo da poter intrecciare le proprie mani dietro la schiena del bambino.

L'adulto, mentre recita ogni verso lentamente ed in modo ritmato, contemporaneamente si piega in avanti, trascinando nel movimento il bambino,
e poi ritorna in posizione eretta.

Alla fine gli fa un energico solletico alla pancia per farlo ridere.





PALLA PALLETTA
(versione per gruppi di bambini)

Palla palletta, signura e cummari,
aviti 'na figgia ca sapi jucari.
Sapi jucari a tri cannedda;
cìciri cuotti e campanedda!

Campanedda ch'è supra mari
quanti pigna po' puttari,
e nni potta 'na mazzola
una 'i rintra e 'n'atra 'i fora.

Fora quaranta
tuttu lu munnu canta
canta lu jaddu
affacciatu a la finestra
ccu tri palummi 'n testa.

Gallu, gallettu
Palermu e Missina.


In questo gioco i bambini si mettono
in cerchio (od in fila),
seduti sulla sedia o per terra.

Un ragazzo (o un adulto)
si pone al centro e,
iniziando da un bambino
man mano che recita la filastrocca
tocca ai bambini una mano (o un piede). .
Il bambino toccato
alla fine della filastrocca
ritira la mano (o il piede).

Si riprende il gioco fino a che
rimane un solo bambino,
il cui arto è rimasto non toccato
alla fine della filastrocca.
Questo bambino viene acclamato
vincitore del gioco.



ALTRI GIOCHI


Man mano che va crescendo, il bambino impara a giocare con altri coetanei sotto la direzione o il controllo di un adulto, come nei giochi:
- Anello, anello, chi ce l'ha l'anello?
- Mosca cieca

Quando diventa ancora più grande, il bambino non ha più bisogno dell'assistenza dell'adulto e con i suoi coetanei esegue altri giochi, tra cui:
- Oilè, mistoffè
- Nnanca nnancaredda
- 'A ciappedda
- 'U mucciuni



per tornare all'inizio della pagina