Crea sito

comiso



Cala la sira supra li casi,

 

http://comiso.altervista.org

l'aria cina ri sciviru i rosi,
penza Biaggina a lu balcuni,
canta na vuci na bella canzuna.

POESIE DI
COMISANI

comisani@libero.it





COMISO E COMISANI





COLLEGAMENTI


- VARIA

- RELIGIOSIT POPOLARE

- TRADIZIONE

- STORIA LOCALE

- COMISANI

- NOMI E COGNOMI

- LETTERE E MESSAGGI

- VECCHIE IMMAGINI

- NUOVE MUSICHE RELIGIOSE


HOME PAGE



POESIE IN DIALETTO
DI COMISANI


In questa pagina vengono presentate poesie in dialetto, di varia ispirazione, composte da poeti comisani.
Le poesie di questa pagina sono di
Carmelo Lauretta, Giuseppe Parisi, Francesco Giombarresi e Rosa Maria
Di Falco.

Nella pagina seguente si pu leggere la poesia "A vicciaredda morta" di Carmelo Lauretta.


(Accendendo le casse acustiche in sottofondo
si pu ascoltare la musica della canzone "Cala la sira")




Suli simu nenti


Tinemu nni sta vita pi 'n filu di capiddi
e davanti avemu lu precipiziu.
Bramamu lu suli
e stamu cu la porta chiusa.

Simu comu aceddi senza ali
pusati supra li rami:
suli simu nenti.

Avemu bisognu di na manu
ca ni teni
ca ni grapi l'imposti
ca n'aiuta a vulari:

a stari suli muremu.

Carmelo Lauretta

l'autore di questa poesia,

tratta da TRITTICO IBLEO

(anno 1995)






Li du' cummari


"Biata vui... cummaruzza cu li spini,
ca, prima ri siri manciata,
punciti, e viniti scucciata,
e ppui vi vindicati
'ntuppannu li vuriddati.
Cu mmia... la natura inveci fu tiranna,
e cuannu m'ana manciari
nun sunu brocca e mancu canna.
Mi mnciunu, cu 'na sula vuccata,
macari supra a maccia,
e senz'ssiri cugghiuta."

"E' vveru!"
cci rispunni a ficurnia
"Nui simu lu miegghiu fruttu di la stati,
e la natura ni fici ppi 'ssiri manciati;
cara suruzza, aruci e prilibbata,
ma nun faciti a santa,
ca macari vui vi vindicati!
Se u fazzu 'ntuppari u funnamentu,
vui... mittiti 'nsubbgliu lu palmentu!
Perci, cummaruzza ficu, 'nvi lagnati
ca vui siennu ammuccata, nun suffriti,
e vi vinnicati!
Mentri u, prima ri siri masticata,
vgniu... scupata, spinata
e scucciata."

Giuseppe Parisi

l'autore di questa poesia,

tratta dal periodico

LA FONTE
(anno 2002)





Lu suli


Quannu spunta lu suli la matina
all'antu gi si trova lu viddanu,
sempri travagghia finu a’ siritina,
ci agghiorna e scura c la zappa nmanu.

Spetra tirreni, strati e vadduna
e zappa e meti c granni valia,
sutta la surviglianza de’ patruna
chi spoglianu li Santi c Maria.

Ma lu viddanu, comu gran liuni
c la so’ forza la terra frantuma
e quannu vecchiu’nfina ‘ncinucchiuni
zappannu, la so vita si cunzuma.

Francesco Giombarresi
(1930-2007)

l'autore
di questa poesia





L'alivu


Nun passa juornu ca iu nun ti talu
cca cruci 'n pettu...
Talu e 'n cori c' tantu turmentu:
l'alivu ca iu aiu sempri tinutu
'nto me cori, siccau...
Sugnu cca e ti talu:
puostu to' cinniri arristau!
Fumu c' ppi ttia,
sulu fumu e cnniri...
'U fuocu funnu 'u funnu do me cori
e iu funnu ccu ttia...

Rosa Maria Di Falco

l'autrice
di questa poesia,
scritta nel 2007






per tornare all'inizio della pagina


Nota

La canzone "Cala la sira" di Biagio F. eseguita da Andrea Torrisi.