Crea sito

comiso



Matri, accurriti, e da lu malu erruri

 

http://comiso.altervista.org

vardātini binigna in tutti l'uri;
Matri, accurriti e dallu riu piccatu
tirati li caduti a vostru latu


POESIE RELIGIOSE
IN DIALETTO

comisani@libero.it




COMISO E COMISANI





COLLEGAMENTI


- VARIA

- RELIGIOSITĀ POPOLARE

- TRADIZIONE

- STORIA LOCALE

- COMISANI

- NOMI E COGNOMI


-
VECCHIE IMMAGINI

HOME PAGE




POESIE IN DIALETTO
DI ISPIRAZIONE RELIGIOSA


In questa pagina vengono presentate poesie in dialetto, di ispirazione religiosa, scritte da comisani.
Per cominciare presentiamo due poesie composte da Carmelo Lauretta.



(Accendendo le casse acustiche in sottofondo
si puō ascoltare il canto "Stapėa la Matri")




PRISINTIMIENTU


E' tempu
di pārtiri.
La spiga di lu frummentu
ca s'ha gudutu lu suli
e lu virdi
č matura
pi lu colpu di fāuci.

Signuri,
manna 'n-āngilu
a pigghialla
e a mintilla nni li To manu
chini di misiricordia
pi falla pani di cielu.

Carmelo Lauretta

č l'autore di questa poesia,
tratta dalla raccolta
Prigionieru di li Angeli
(anno 1995)

a.



VENTU DI LU GOLGOTA


E lu ventu di lu Golgota
chių va e chių si senti sciusciari
nni lu munnu.

A tutti i parti di la terra
porta pinsieri
di paci
e du vrazza 'n cruci spalancati
di amuri.

Scurri ancora di la cruci
u sangu 'nnuccenti di Cristu
ca apri lu cori misiricurdiusu
di lu Patri
e adduma muntagni di luci
supra l'oceanu di fangu
di li piccati umani.

Di lu Golgota 'nsanguinatu
lu ventu nun finisci 'i sciusciari
finu a quannu nun arricogghi
all'ovili
tutti i picureddi dô munnu.

Carmelo Lauretta

č l'autore di questa poesia,

tratta dall'omonima raccolta


(anno 2001)






per tornare all'inizio della pagina

Nota

Il canto "Stapėa la Matri" di Biagio Franco č eseguito da Marcello Serafini.