Crea sito

comiso



Cara Matri Addulurata
 

http://comiso.altervista.org

di duluri trapassata,
trapassati st' arma mia
sin' all' ultima agunýa.



Settenario di
MARIA SS.
ADDOLORATA

comisani@libero.it




COMISO E COMISANI





COLLEGAMENTI


- RELIGIOSIT└ POPOLARE

- TRADIZIONE

- STORIA LOCALE

- COMISANI

- NOMI E COGNOMI

- VARIA



- LETTERE E MESSAGGI

-
DIARIO APERTO

-
VECCHIE IMMAGINI

HOME PAGE

 


PRATICHE DEVOZIONALI

Padre Salvatore Pelligra nel libro CASMENE DEVOTA, pubblicato nel 1881, ci ha tramandato i testi presentati in questa sezione. Si tratta, come egli scrive nella prefazione del libro, di "pratiche devote, che ricevemmo come retaggio dai padri nostri, e che tuttora si esercitano nelle chiese di Comiso".
Non sappiamo se questi testi siano di autori Comisani o esclusivi delle chiese comisane; certo Ŕ che essi fanno parte della nostra storia religiosa.
Si tratta di pie pratiche (coroncine, settenari, novene...) che chissÓ per quanti secoli - e con quante fede e speranza - furono recitate o cantate o ascoltate nelle chiese comisane dai nostri avi, mentre in cuor loro invocavano con ansia una grazia o ringraziavano felici per aver visto esaudite le proprie preghiere.

In questa sezione si trovano:

- Settenario della Madonna Addolorata
-
Novenario della Madonna Annunziata
-
Coroncina di Maria SS. del Lume
-
Coroncina dei 7 dolori di Maria Santissima
-
Corona in suffragio delle anime del Purgatorio
-
Coroncina dell'Arcangelo Raffaele
-
Coroncina a Santa Filomena
-
Coroncina a San Giuseppe
-
Coroncina di Ges¨ Crocifisso
-
Coroncina a Maria SS. della Mercede
-
Lodi a Maria nel mese di maggio
-
Coroncina a San Francesco d'Assisi
-
Viaggio di Maria e Giuseppe a Bethlem






'A sittina ra Ddulurata
( musica del maestro Messineo)


I

Oh! chi pena a lu to' cori
Foru, o Virgini Maria,
Di lu Vecchiu ddi paroli,
Quannu in braccia Ges¨ avýa:
"Ssu to' Figgiu tantu beddu
Ti sarÓ com' un cuteddu".
Chista fu la prima spata,
O gran Matri Addulurata.

Pater, Ave, Gloria

Ssa to' spata e ssu duluri,
Chi pruvasti accussi forti,
Dallu a mia nell'ultimi uri
D'agonia nella mia morti.


II

Quali pena t'ebbi a dari
Quannu Erodi ittÓu li banni,
Chi s'avissiru ammazzari
Li bambini 'nfra dui anni;
Bisugnasti iri n' Egittu
Cu to' Figgiu binidittu.
Chista fu l'autra spata,
O gran Matri Addulurata.

Pater, Ave, Gloria

Ssa to' spata e ssu duluri,
Chi pruvasti accussi forti,
Dallu a mia nell'ultimi uri
D'agonia nella mia morti.


III

Matri afflitta, comu torni
Si pirdisti lu to' amuri?!
L'hai circatu pri tri giorni
Ccu gran pena e ccu duluri;
Lu truvasti ne' lu tempiu,
Unni dava un gran esempiu.
Chista fu la terza spata,
O gran Matri Addulurata.

Pater, Ave, Gloria

Ssa to' spata e ssu duluri,
Chi pruvasti accussi forti,
Dallu a mia nell'ultimi uri
D'agonia nella mia morti.


IV

Quali affannu nun pruvasti,
O gran Virgini Maria,
Quannu a Cristu tu 'ncuntrasti,
Chi la cruci 'n coddu avia?!
Ci vulivi dari aiutu,
Ma ti vinni proibutu.
Chista fu la quarta spata,
O gran Matri Addulurata.

Pater, Ave, Gloria

Ssa to' spata e ssu duluri,
Chi pruvasti accussi forti,
Dallu a mia nell'ultimi uri
D'agonia nella mia morti.


V

Comu avisti a suppurtari,
Quannu alzasti lu to' giggiu,
E vidisti agonizzari
Supra un lignu lu to' Figgiu:
Tuttu afflittu e laciratu,
Dannu sangu d'ogni latu.
Chista fu la quinta spata,
O gran Matri Addulurata.

Pater, Ave, Gloria

Ssa to' spata e ssu duluri,
Chi pruvasti accussi forti,
Dallu a mia nell'ultimi uri
D'agonia nella mia morti.


VI

Morý un Diu Verbu 'ncarnatu
Pri salvari i peccaturi:
GiÓ si ci apri lu custatu
Pri l'eccessu di l'amuri.
Matri, avisti tu a vidiri
Ges¨ mortu anchi patýri.
Chista fu la sesta spata,
O gran Matri Addulurata.

Pater, Ave, Gloria

Ssa to' spata e ssu duluri,
Chi pruvasti accussi forti,
Dallu a mia nell'ultimi uri
D'agonia nella mia morti.


VII

Ma Ges¨ nun ha figura
Ed in senu ti Ŕ purtatu:
Cui ci duna sepultura
Se un latru Ŕ riputatu?!
Bisugnasti anchi patiri
Pri pui farlu sippilliri.
Chista fu l'ultima spata,
O gran Matri Addulurata.

Pater, Ave, Gloria

Ssa to' spata e ssu duluri,
Chi pruvasti accussi forti,
Dallu a mia nell'ultimi uri
D'agonia nella mia morti.


OFFERTA

O Maria fonti di amuri,
Accittati sta curuna
Di li vostri gran duluri,
Chi pruvÓstivu in pirsuna.
Cui ntra vizi stÓ 'nfangatu
Morti e peni a Cristu duna:
Ma lu vostru Figgiu amatu
Pri vui sula ni pirduna.
Piccaturi sugnu statu,
Ma sugnu ora un piccaturi,
Chi detestu lu piccatu
E li miei chi¨ grandi erruri.
Di lu vostru affannu e chiantu,
Di lu vostru gran duluri,
Matri mia, ni voggiu tantu
Quantu chianciu li miei erruri.
Pui mutatu in sonu e cantu,
Ed in festa e gioia e risu,
Purtir˛ cun mia lu vantu
Per andari in paradisu.
Ma pri guida iu vioggiu e bramu
Chista vostra acuta spata,
Matri e Figgiu aduru e amu,
Bedda Matri Addulurata.


Cara Matri Addulurata,
Di duluri trapassata,
Trapassati st' arma mia
Sin' all' ultima agunýa.






per tornare all'inizio della pagina