Crea sito

comiso



Nni mancàvinu palazzi
 

http://comiso.altervista.org

a lu Re di la natura,
ca nascìu ntra li strapazzi
ne nna pòvira mangiatura.

Viaggio di
Maria e Giuseppe
a Bethlem

comisani@libero.it





COMISO E COMISANI





COLLEGAMENTI


- RELIGIOSITÀ POPOLARE

- TRADIZIONE

- STORIA LOCALE

- COMISANI

- NOMI E COGNOMI

- VARIA

- LETTERE E MESSAGGI

-
DIARIO APERTO

-
VECCHIE IMMAGINI

HOME PAGE

 


Viaggio di
MARIA e GIUSEPPE a Bethlem

Questa composizione, tutta in dialetto, si trova nel libro CASMENE DEVOTA tra le pratiche di devozione della Chiesa di San Francesco.
Di essa, però, nulla viene detto: perciò non sappiamo se si tratta di un canto o semplicemente di una narrazione in versi, né in quale cerimonia venisse cantata o letta.
Pur non trattandosi di una pratica di devozione, viene qui riportata per l'ampiezza del testo dialettale e per qualche sprazzo di poesia che contiene.

PRATICHE DEVOZIONALI

- Settenario della Madonna Addolorata
-
Novenario della Madonna Annunziata
-
Coroncina di Maria SS. del Lume
-
Coroncina dei 7 dolori di Maria Santissima
-
Corona in suffragio delle anime del Purgatorio
-
Coroncina dell'Arcangelo Raffaele
-
Coroncina a Santa Filomena
-
Coroncina a San Giuseppe
-
Coroncina di Gesù Crocifisso
-
Coroncina a Maria SS. della Mercede
-
Lodi a Maria nel mese di maggio
-
Coroncina a San Francesco d'Assisi
-
Viaggio di Maria e Giuseppe a Bethlem





viaggio


1

San Giuseppi gnuornu stannu
Ntra la chiazza di Nazzaretti
Pri suoi affari caminannu
Senti suonu di trummetti;
Senti lèggiri n'edittu
Cu lu cori assai trafittu.


2

Chistu edittu cuntinia
Che d'ogn'uomo d'ogni etati
Iri a scrìvirsi duvìa
A la propria cittati;
E in tributu poi pagari
Qualchi summa di dinari.


3

A sta nova 'nfausta e ria
San Giuseppi cuntristatu
Ju a la casa ed a Maria
Cussì dici adduluratu:
"O chi nova dulurusa
Iu vi portu amata spusa.


4

Oh chi edittu pubblicari
Ne la chiazza or ora ntisi,
Gran caminu divu fari
E patiri alcuni spisi.
Ed iu afflittu pr'ubbidiri
A Bettilemmi divu iri.


5

S'iu vi lassu, ahi pena rìa!
Sentu spartirmi lu cori:
Se vi puortu 'n cumpagnia,
Oh chi peni e crepacori!
E chi fari 'n sacciu ancora,
L'un e l'altru assai m'accora
".


6

A sti affetti dulurusi
Di lu spusu so' dilettu,
Cu paroli assai amurusi
Ci rispunni tutta affettu:
"Spusu miu, nun vi affligiti,
Iamuninni unni vuliti
".


7

A sti affetti di Maria
San Giuseppi ralligratu
Rispunnìa: "Signura mia,
Vui m'aviti cunsulatu
".
E provisti in qualchi modu
S'incamìnanu a lu sodu.


8

Seguitavanu lu viaggiu
San Giuseppi cu Maria
Suppurtannu ogni disaggiu,
Ogni affannu e traversia;
Spussatizzi ed affannati,
Puvireddi disprizzati.


9

Però quannu vosi Diu
Cu pazienza suppurtaru,
Ogni pena e affannu riu
Cu allegrizza tolleraru,
Suppurtannu stu disaggiu
Fin' a tuttu lu so viaggiu.


10

Stanculiddi su' arrivati
Dopu tanta lunga via,
Poi trasieru a la cittati
Menzi morti a la stranìa;
Nudda casa hannu truvatu,
Lu rizzettu c'è negatu.


11

"Su' quattr'uri di la notti,
Già nui semu rifiutati;
Aiu fattu quantu potti,
Fora dunca la cittati
Cca vicinu ci è na grutta
Benché vili, e aperta tutta".


12

Cussì insiemi s'avviaru
Pri dda parti a pocu a pocu,
E la grutta ritruvaru
Ma assai poviru è lu locu:
Doppu aviri tanti stenti
A sta vista su cuntenti.


13

S'assittaru tutti e dui
'Nterra e 'ncostu di lu focu,
E 'n putennu stari cchiui
Si cibaru qualchi pocu;
Ma ccu grandi divozioni
Fan la sua culazioni.


14

Cunusciennusi Maria
Iunta all'ura già felici
Di sgravari L'Uomo-Dio
A lu spusu accussì dici:
"Troppu è notti, ritiràtivi,
Va durmiti e ripusàtivi".


15

San Giuseppi nun durmìa,
Ma ccu grandi devozioni
'Nginucchiuni umili e piu
Misi a fàrisi orazioni,
Mentri Gesù Bamminieddu
Veni a munnu puvirieddu.


16

Nni mancàvinu palazzi
A lu Re di la natura
Ca nascìu ntra li strapazzi
Ne nna pòvira mangiatura.
Lu so summu e grandi amuri
Lu fe' nàsciri tra duluri.


17

Natu già lu gran Missia
Misi a chianciri e angusciari,
E la Virgini Maria
Nun sa comu cuntintari.
Lu piggjiau cu summu affettu
E lu stringi a lu so' pettu.


18

San Giuseppi si risviggia
Da chiddi èstasi profunni,
E cu dulci meraviggia
Si stupisci e si confunni;
Curri prestu spavintatu
E a Gesuzzu vidi natu.


19

Oh! pinsati chi cuntentu,
Chi grandissima allirizza,
Si scurdàu di lu so' stentu
Pri la summa cuntintizza;
E cun tantu so' piaciri
Accussì si misi a diri:


20

"Oh chi Figgiu aviti fattu,
Casta spusa mia signura,
Quantu è beddu, vagu e intattu,
La so' facci m'innamura;
Chi su' amabili sti gigghia,
A la Matri s'assumigghia
".


21

Natu già lu Redenturi,
Tuttu è in giubilu lu creatu.
Gli angiuleddi ccu fervuri
Da lu celu hannu calatu,
Poi cantaru in armunia:
"Damu gloria a lu Missia!"



22

Mezza notti avìa sunatu
Quannu nacqui lu Signuri
E lu munnu addurmintatu
Nun suspetta che pri amuri
Vinni 'n terra lu Missia
Pri salvari l'anima ria.


23

Ma l'annunziu di lu celu
Desta gli umili di cuori,
Nonostanti lu gran gelu
Li pasturi sunu fuori;
Ccu zampugni e doni e frutta
Si ni vìnnuru alla grutta.


24

Lu curatilu poi iungìu
Tuttu stancu e affannatu
E dicìa: "
Matri di Diu,
La bon'ura che Gesù è natu!
Portu latti ne la scisca
Caciucavaddu e tuma frisca
".


25

Cu' ci porta giafaggiuna
Cu' ci porta cardunedda,
Cu' ci porta beddi puma
Cu' ci sona la chiaramedda
A lu nostru Redenturi
Che nascìu pri nostru amuri.




per tornare all'inizio della pagina