Crea sito

comiso



Cu sta mestu e distrattu 'ntra un fistinu

 

http://comiso.altervista.org

vivissi di lu Comisu l'ambratu

ca ci rinfrisca pinseri e palatu.

ZIBALDONE

comisani@libero.it



COMISO E COMISANI





COLLEGAMENTI

- TRADIZIONE

- RELIGIOSIT POPOLARE

- STORIA LOCALE

- COMISANI

- NOMI E COGNOMI

- VARIA

- DIARIO APERTO

-
LETTERE E MESSAGGI

HOME PAGE



ZIBALDONE

In questa pagina vengono presentati elementi vari della tradizione e della cultura (in senso lato) comisana, che non rientrano nelle altre sezioni.

In particolare si trovano:
- uno
scongiuro (scunciru)
- una
canzoncina risalente a prima del 1674
- il dialogo
'U 'ntrizzaturi
- un frammento di
dialogo
- due frammenti di
giochi
-
miniminaggi



(Attivando le casse acustiche si pu ascoltare
il brano musicale "A notturna")






SCONGIURO

Questo scongiuro veniva recitato all'arrivo di nuvoloni a forma d'incudine o di trave.
Nel contempo si teneva in mano una forbice nella direzione delle nubi che si avvicinavano e la si muoveva come per tagliarle.

 
Bedda Matri Nunziata,
ca ni la cmmira siti frimmata,
ccu l'ancilu a lu cantu
ca liggha tri nnmira,
unu r'acqua, unu ri vientu,
unu ri cura draunara,
pigghia 'u cutieddu,
e tagghila nta lu mienzu:
la bbia ddabbanna scuru,
unni nun ci bbita n luna n suli
e nessuna criatura.

Salvi Rigina, Matri ri misiricordia.






CANZONCINA

Questa canzoncina contenuta nel manoscritto Breve narrazione che fa la rev. Madre Suora Teresa di S. Carlo, Priora del ven. Monastero di Regina delli Cieli, risalente al 1674.

Suor Teresa di S. Carlo (al secolo Antonia Guastella) nella narrazione riporta una visione, secondo la quale "...nostro signore Ges, la sua santissima Madre e la nostra madre Teresa (suor Beatrice Giacchenetto), tutti e tre pigliati per le mani e lo Signoruzzo era in mezzo, e tutti e tre festanti et allegri andavano in detta chiesa (del Ges) et cantavano questa canzone:

Iamu a vidiri stu nuovu giardinu
Chi unu amatu mi l'ha fabbricatu
Arboli d'oru dintra ci ha ciantatu.
Don Petru di Palazzu, nun timiri
Lu munnu pazzu nterra ha di cadiri



 




'U 'ntrizzaturi

Questa sestina, in forma di dialogo, fu raccolta dalla bocca del popolo dal giovane Biagio Pace prima del 1907.
'U 'ntrizzaturi era una larga fettuccia di seta o di lana nera, con la quale la sposa s'intrecciava le chiome e se le annodava alla nuca.


"Turiddu, vai alla fera. Chi mi puorti?"
"Nzoccu cumanna la patruna mia"
"Portimi 'u 'ntruzzaturi luoncu e forti"
"Mi scantu ca lu pierdu pi la via"
"Turiddu, chi mi cunti? mala sorti!
Tu mi scurdasti e ju nun piensu a ta"






frammento di

DIALOGO

Questo dialogo si svolge tra un'anima e, forse, un santo.
Speriamo di poterlo,un giorno, completare.


"......................................
......................................
ca lu tiempu c'i pirdutu
ti lu fazzu ricupiri.
Quannu ll'ura ri muriri
iu ti viegnu a 'ccumpagnari"

"Accumpagnatimi stanotti,
rapitimi la potta
ri lu santu Pararisu,
comu Ddiu mi l' prummisu"

............................................
............................................





GIOCHI

Di questi due giochi sono rimasti nella nostra memoria solamente queste frasi.
Speriamo che qualcuno ci aiuti a completare ed a spiegare il procedimento dei giochi.

E cincu e ddeci,
i reci e bbinti,
i vinti e quaranta,
c' 'na furca ca ti 'nquanta;
cci ama bbniri stasira
ccu lu llusciu ra cannla.

O pumu rrussu,

chi bbo' vossia

..............





MINIMINAGGI

S'accuzza ravanti

e s'allonca rarrieri

Trasi cina

e nesci vacanti

Sugnu jvita quantu 'n palazzu

caru 'n terra e nenti mi fazzu;

sugnu amara comu lu feli

mi fazzu aruci comu lu meli

Sugnu sposta all'acqua e o vientu,

tu mi ciami e iu ti sientu;

vucca ranni e llabbra tuotti

ciamu i vivi e cianciu i muotti

Chidda ca bbasta a unu

bbasta a cientu

Tuttu rintra

e 'a testa fora

RISPOSTE
(Le risposte vengono riportate in ordine non corretto per complicare la vita al lettore)

'a campana - 'u ciuovu - 'a cucciara - 'a luci - 'a strata - 'a vulva


per tornare all'inizio della pagina

NOTA

Il brano musicale "A notturna", composto da Biagio F., eseguito dal maestro Marcello Serafini.